Martedì 22 Agosto, 17:00
Utenti online: 1319
Francesco Paone
Francesco Paone

foto di Getty Images

Marcel Hirscher: "Non ho dubbi, la 7^ Coppa del Mondo ha la prioritÓ sull'oro olimpico"

Foto di Redazione

Nella giornata di ieri Marcel Hirscher ha parlato per la prima volta dopo la conquista della 6^ Coppa del Mondo consecutiva, facendo il punto della situazione e guardando al futuro. Alcune dichiarazioni, soprattutto riguardo i suoi obiettivi, risultano sorprendenti.

Dopo un lungo periodo di riposo, trascorso nella propria casa, il fenomenale ventottenne austriaco ha spiegato di essere decisamente rilassato dopo un mese in cui gli è stato possibile staccare completamente la spina, in maniera da cominciare carico l'avvicinamento alla prossima annata.

Al riguardo, intervistato dalla testata laola.at, gli è stato chiesto cosa sia più importante per lui nella stagione ventura, vincere ancora la Sfera di cristallo oppure conquistare quella medaglia d'oro olimpica mancante al suo palmares. Quella che voleva essere una domanda retorica ha invece ricevuto una risposta inaspettata.

"Non ho dubbi, la priorità è la Coppa del Mondo. Di campioni olimpici ce ne sono già abbastanza, invece nessuno prima di me ha mai vinto 6 Sfere di cristallo, per di più consecutive. Quindi questo primato è unico e sarebbe bello migliorarlo ancora.

Poi, se dovessi vincere anche l'oro a PyeongChang sarebbe fantastico, quindi di certo non tralascerò questo obiettivo. Però, se non dovessi primeggiare in Corea, penso che nessuno potrebbe dire 'La carriera di Hirscher è stata un fallimento totale perchè non ha mai vinto nessun oro olimpico'".

Interpellato riguardo l'ipotesi di diventare l'austriaco con più vittorie in Coppa del Mondo, Marcel ha risposto: "Mi mancano 9 successi per eguagliare Hermann Maier. Sicuramente posso raggiungerlo, ma ci vorrà del tempo. Avrò bisogno di almeno due stagioni molto buone".

Queste parole hanno stuzzicato l'intervistatore, poiché in Austria è già partito il tormentone secondo il quale Hirscher potrebbe appendere gli sci al chiodo al termine della stagione 2017-'18. Il salisburghese ha tagliato corto, affermando che "Non ho ancora preso una decisione. Tutto dipenderà dai miei sentimenti. Ora come ora sono felice della mia vita. Se invece l'attività agonistica dovesse tramutarsi in un peso, allora mi metterò a fare qualcosa di diverso.

Di sicuro quello che sta per arrivare sarà un inverno più duro degli altri, per questa ragione ho deciso di concedermi delle pause, soprattutto mentali, durante la preparazione. Credo che sarà importante staccare di tanto in tanto la spina durante l'estate proprio per evitare di bruciarsi e tenere il fuoco acceso. Chissà, forse mi concederò qualche piccola vacanza anche durante l'estate. Il percorso di avvicinamento alla prossima stagione sarà diverso dal solito. Comunque, sono ottimista. Ora come ora penso che il 2018 potrà essere un grande anno".

Dunque, un Hirscher tutto fuorché banale che appare deciso a seguire una strada tutta sua, come solo i fuoriclasse possono permettersi di fare.

ę RIPRODUZIONE RISERVATA